IO NON HO


Eterna romantica, dea dell’assoluzione, piangente me sulle interpretazioni a teatro.

Colei che crede a tutto quello che le viene detto e assorbitrice del nulla.

Romantica e stupida da preferire gli altri a se stessa.

Se mi chiedi cosa voglio essere non so cosa risponderti, odio i ruoli fissi e francamente mi sento talmente versatile da poter suonare in un gruppo rock e ricamare centrini allo stesso tempo.

O grembiulini per gattini. Si grembiulini per gattini mentre suono Metal.

Stessa cosa con le persone,

come si fa a rimanere inalterabile quando si può avere tutto quanto.

Donne, uomini, persone a decine - oppure nessuno.

Chi lo dice che dobbiamo avere un impiego, una casa,

un animale domestico o una pianta grassa,

sposarsi senza fare la separazione dei beni,

andare in crociera per le nozze d’oro e fare le buone amiche per il posto di damigella e acchiappare quel bouquet del cazzo?

Mh.. io vorrei una fattoria ma anche una casa in centro,

un uomo gentile ma anche una bella donna,

come si può scegliere solo un opzione tra mille?

E se non volessi dividere, In cosa sbaglierei?

Se scelgo la vita e pure la morte,

se scelgo il sesso ma anche l’amore,

se scelgo te ma anche me, cosa mi dici?

Se prendessi tutto ma senza tenermi niente.

Vorrei toccarti dentro ma da lontano.

Io sono il caos, lo senti?

sono le 3 del mattino,

sono il fango sulle ginocchia e il dente che si è rotto giocando a nascondino.

Cosa cazzo pretendo da me,

impegnarmi in qualcosa è difficile,

figuriamoci le imposizioni dettate dal Dio dell’ordine.

Datemi tutto e costruirò il -niente- per me,

il mondo per voi,

e l’amore per

Lui.

Non tornerò, io non lo faccio mai, nemmeno restare.

Davanti a tutto questo sapere voglio diventare la polvere sotto il tappeto.

Se non possiedo niente,

se non possiedo te,

che ci sto a fare qui?

Possiedo la capacità di non avere, di non poterti frenare, io, non possiedo.

185 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Ho visto persone preferire l’idea che hanno di se stessi e conviverci per scelta, perché non in grado di vivere con quello che realmente sono. Ho visto miti sfatarsi dietro un accenno di difficoltà e

Artensio